Chiedi al nostro team

Abbiamo fatto chiarezza in merito ad alcune delle più frequenti domande in materia di risarcimento danni e responsabilità civile. Se ti occorrono altre informazioni, in fondo a questa sezione trovi un form da compilare per ulteriori quesiti cui risponderemo in modo completo e puntuale.

Cosa fare nell’immediatezza di un incidente stradale?

Contattare sempre il 112 poiché oggi è l’unico numero di emergenza su tutto il territorio europeo ed immediatamente dopo richiedere il nostro intervento.
Nell’attesa delle autorità o anche in loro presenza, fotografare e filmare l’intera area dell’evento facendo attenzione a riprendere tutte le eventuali tracce di frenata e detriti presenti sulla strada distanziandosi anche per decine di metri dal punto di posizionamento di tutti i veicoli , ripetendo questa operazione da entrambe le direzioni di marcia. Ovviamente fotografare e possibilmente filmare i veicoli coinvolti anche nei dettagli prima della loro rimozione e chiedere agli eventuali presenti le loro generalità ed acquisire i numeri di targa dei veicoli che eventualmente seguivano il vostro o quello della controparte.
Nel caso di impossibilità a procedere a quanto sopra informarsi dell’esistenza di eventuali telecamere nelle vicinanze ed adoperarsi per l’acquisizione dei relativi filmati.

Da non trascurare che oggi giorno, nel caso di sinistri davvero gravi, è possibile riuscire a ricostruire la scena dell’evento, o ad apprendere dell’esistenza di elementi importanti rimasti ignoti alle forze dell’ordine, da filmati esistenti in rete e caricati nell’immediatezza da altri utenti anche casualmente.

É possibile quantificare da subito l’entità del risarcimento?

Questo è possibile solo per sommi capi o comunque all’interno di un ampio range, poiché ciò che viene risarcito non è il “pericolo corso” (tante volte ci siamo sentiti dire “ho corso il pericolo di morire!!”) né le lesioni subite, ma solo le conseguenze residuate dopo l’avvenuta guarigione con postumi.
Pertanto nell’immediato si potrà procedere ad una valutazione solo di massima in quanto molti esiti permanenti potrebbero non sussistere più a guarigione intervenuta e questo significherebbe che in realtà non erano “permanenti” .
E’ comunque possibile dire che di norma, in caso di importanti macrolesioni, per avere una stabilizzazione dei postumi e procedere ad una valutazione il più possibile attendibile, sarà opportuno attendere il decorso di un periodo compreso tra i sei e gli otto mesi.

È possibile avere degli anticipi?

Quelli che vengono comunemente chiamati anticipi in realtà sono vere e proprie offerte di risarcimento che poi, ove ritenute non soddisfacenti, vengono accettate dal patrocinatore o difensore del danneggiato solo in acconto del maggior danno.
Per indurre la compagnia ad effettuare un’offerta risarcitoria si deve prima aver fornito la prova di risarcibilità dell’evento ( ad es. aver dimostrato l’esistenza della ragione piena o quantomeno in concorso di colpa) e quindi si deve dare la possibilità a questa di sottoporre a visita il danneggiato che di norma è bene effettuare solo a guarigione avvenuta.
Nei casi di comprovata necessità e di gravi macrolesioni, ovvero di difficoltà del danneggiato a fronteggiare le esigenze di vita quotidiana, noi possiamo intervenire economicamente in suo sostegno per un periodo di tempo determinato e con un importo a stabilirsi caso per caso.

La tutela vale anche per...

– In presenza di un grave incidente stradale, la persona che riportati lesioni importanti tali che non abbia più la capacità di deambulare o di svolgere tutte le normali attività della vita quotidiana (lavarsi, mangiare, vestirsi in autonomia), avranno diritto ad essere risarciti anche i prossimi congiunti del danneggiato sia per il grave evento subito e sia per le ripercussioni nella propria vita quotidiana (madre, padre, moglie, figli, fratelli/sorelle);

– In caso di incidente mortale hanno diritto al risarcimento non solo i genitori, il coniuge, i figli e i fratelli, ma anche il/la convivente, i nonni ed i nipoti per il decesso dei nonni anche se non conviventi;

– nel caso di gravi lesioni con interessamento di indennizzo da parte dell’INAIL li dove trattasi di incidente stradale “in itinere”, si avrà comunque diritto a richiedere alla compagnia assicurativa il danno differenziale ovvero le voci di danno non risarcite dall’Istituto di Previdenza;

– nel caso di incidente con veicolo sconosciuto e responsabile, obbligato al risarcimento sarà la compagnia assicurativa che in quella determinata area rappresenta, quale sua delegata, il Fondo Vittime della Strada il quale sarà tenuto a risarcire anche i danni sofferti dal passeggero di veicolo privo di copertura assicurativa;

– si ha diritto al risarcimento del danno anche nel caso di trasporto anomalo, ad es. passeggero su ciclomotore non omologato al trasporto di altri oltre il conducente;

– si ha diritto al risarcimento anche nel caso di sinistro con veicolo sottoposto a fermo amministrativo;

Hai dubbi o domande?

Siamo a completa disposizione per rispondere ai più frequenti quesiti che un avente diritto al risarcimento potrebbe porsi. Ti basterà completare il form sottostante e spiegare nei dettagli la tua domanda. Prenderemo in carico la richiesta e risponderemo nel più breve tempo possibile.